Calcolo Rivalutazione ISTAT Canone di Locazione e Affitto in base all’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (FOI)

Questa applicazione permette di calcolare l'adeguamento del canone di locazione o affitto rispetto ad un qualsiasi periodo specificato e definito da una data remota ad una data più recente.

Per utilizzare il calcolatore occorre inserire il mese di inizio e fine periodo a cui fa riferimento la rivalutazione, l'importo del canone da rivalutare (in euro), la percentuale di applicazione della rivalutazione (generalmente stabilita nel contratto di locazione o affitto) e premere Calcola.

CALCOLATORE

Canone da Rivalutare:

Indica l'importo del canone che deve essere adeguato. Separare i decimali con la virgola (,)

Dal periodo (data più remota):

Seleziona il mese ed anno al quale si riferisce il canone da rivalutare

Al periodo (data più recente):

Seleziona il mese ed anno al quale si riferisce l'adeguamento
Inserisci la percentuale di incremento. Per dettagli leggi la nota1
Proseguendo, sei informato che verranno salvate, a fini statistici, le seguenti informazioni: data e ora di utilizzo del servizio, IP di connessione, tipo di calcolo effettuato, informazione inserite nei campi, scelta delle opzioni e selezioni.


I prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati: APRILE 2018

Per adeguare periodicamente i valori monetari, ad esempio il canone di affitto o l’assegno dovuti al coniuge separato, si utilizza l’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (FOI) al netto dei tabacchi. Tale indice si pubblica sulla Gazzetta Ufficiale ai sensi dell’art. 81 della legge 27 luglio 1978, n. 392.

Periodo di riferimento: APRILE 2018
Aggiornato: 16 maggio 2018
Prossimo aggiornamento: 15 giugno 2018
Indice generale FOI* 101,7
Variazione % rispetto al mese precedente 0,0
Variazione % rispetto allo stesso mese dell’anno precedente +0,4
Variazione % rispetto allo stesso mese di due anni precedenti +2,1

(*) Indice generale FOI (base di riferimento 2015=100, il coefficiente di raccordo con la
precedente base 2010=100 è 1,071)


nota1: PERCENTUALE DI INCREMENTO.
L'impianto normativo relativo all'aggiornamento dei canoni di locazione risulta così riassumibile:
LOCAZIONI AD USO ABITATIVO
LOCAZIONI AD USO DIVERSO DA QUELLO ABITATIVO
I contratti abitativi cosiddetti liberi non sono soggetti ad alcun vincolo per quanto riguarda l'aggiornamento.
Dal 1 marzo 2009 la percentuale di adeguamento può arrivare al 100% dell'indice Istat, per i contratti che prevedono una durata superiore a quella minima di legge (6 o 9 anni).
Il patto d'aggiornamento richiede la forma scritta.
Tale rivalutazione si applica anche ai contratti in corso (se non prevedono specificatamente il 75%).
Generalmente si prevede l'aggiornamento annuale, automatico e nella misura del 100% dell'indice Istat.
A differenza dei contratti a uso residenziale, nelle locazioni ad uso diverso, il patto sull'aggiornamento può anche essere verbale.
Il parametro di riferimento della rivalutazione può anche essere diverso dall'indice Istat.
Il parametro di riferimento è l'indice Istat dei prezzi al consumo.
E' nullo ogni patto per determinare un importo del canone di locazione superiore a quello stabilito. La mancata corresponsione da parte del conduttore dell'aggiornamento del canone, protratta nel tempo, costituisce causa per la risoluzione del contratto.
Il mancato pagamento da parte del conduttore dell'aggiornamento Istat, protratto nel tempo, può costituire motivo di risoluzione del contratto.
Adeguamento di legge
75%
75%
Adeguamento massimo
100%
100%
Base di riferimento
Libera
Indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati
Condizioni
Nessuna
Contratti con durata minima superiore a quella minima di legge (6 o 9 anni, rinnovabili)

Riferimenti normativi:

LEGGE 27 luglio 1978, n. 392
Disciplina delle locazioni di immobili urbani. (GU n.211 del 29-7-1978)

Testo in vigore dal: 21-6-2011
Art. 27. (Durata della locazione) ((La durata delle locazioni e sublocazioni di immobili urbani non puo' essere inferiore a sei anni se gli immobili sono adibiti ad una delle attivita' appresso indicate industriali, commerciali e artigianali di interesse turistico, quali agenzie di viaggio e turismo, impianti sportivi e ricreativi, aziende di soggiorno ed altri organismi di promozione turistica e simili.)) La disposizione di cui al comma precedente si applica anche ai contratti relativi ad immobili adibiti all'esercizio abituale e professionale di qualsiasi attivita' di lavoro autonomo. ((La durata della locazione non puo' essere inferiore a nove anni se l'immobile urbano, anche se ammobiliato, e' adibito ad attivita' alberghiere, all'esercizio di imprese assimilate ai sensi dell'articolo 1786 del codice civile o all'esercizio di attivita' teatrali.)) Se e' convenuta una durata inferiore o non e' convenuta alcuna durata, la locazione si intende pattuita per la durata rispettivamente prevista nei commi precedenti. Il contratto di locazione puo' essere stipulato per un periodo piu' breve qualora l'attivita' esercitata o da esercitare nell'immobile abbia, per sua natura, carattere transitorio. Se la locazione ha carattere stagionale, il locatore e' obbligato a locare l'immobile, per la medesima stagione dell'anno successivo, allo stesso conduttore che gliene abbia fatta richiesta con lettera raccomandata prima della scadenza del contratto. L'obbligo del locatore ha la durata massima di sei anni consecutivi o di nove se si tratta di utilizzazione alberghiera. E' in facolta' delle parti consentire contrattualmente che il conduttore possa recedere in qualsiasi momento dal contratto dandone avviso al locatore, mediante lettera raccomandata, almeno sei mesi prima della data in cui il recesso deve avere esecuzione. Indipendentemente dalle previsioni contrattuali il conduttore, qualora ricorrano gravi motivi, puo' recedere in qualsiasi momento dal contratto con preavviso di almeno sei mesi da comunicarsi con lettera raccomandata.

Testo in vigore dal: 1-3-2009
Art. 32. (Aggiornamento del canone) Le parti possono convenire che il canone di locazione sia aggiornato annualmente su richiesta del locatore per eventuali variazioni del potere di acquisto della lira. Le variazioni in aumento del canone ((, per i contratti stipulati per durata non superiore a quella di cui all'articolo 27,)) non possono essere superiori al 75 per cento di quelle, accertate dall'ISTAT, dell'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati. Le disposizioni del presente articolo si applicano anche ai contratti di locazione stagionale ((ed a quelli in corso al momento dell'entrata in vigore del limite di aggiornamento di cui al secondo comma del presente articolo)). (8)
---------------
AGGIORNAMENTO (8) Il D.L. 7 febbraio 1985, n. 12, convertito, con modificazioni, dalla L. 5 aprile 1985, n. 118, ha disposto (con l'art. 1, comma 9-bis) che "Le disposizioni del decreto-legge [. . .], escluse quelle di cui all'articolo 2 dello stesso decreto, hanno effetto dal 31 gennaio 1985". sto in vigore dal: 1-3-2009

Il calcolatore sul tuo sito

Il calcolo "Adeguamento ISTAT Canone di Locazione e Affitto" sul Tuo Sito? Copia e incolla il seguente codice html nelle tue pagine web (vedi anteprima):
<iframe src="https://www.living-re.it/iframe-calcolo-delle-rivalutazioni-monetarie.html" width="100%" height="625"></iframe>

Questo calcolatore è stato progettato e realizzato da

Sample image

Mirko M.

Consulente Immobiliare

Dal 2007 Agente Immobiliare e Agente con Mandato a Titolo Oneroso.
Programmatore PHP nell'ambito della progettazione e realizzazione dei calcolatori pubblicati sulla piattaforma https://www.living-re.it
Per approfondire i contenuti di questa pagina o per segnalare suggerimenti ed errori contatta Mirko M.

Rivalutazione monetaria

Completezza informazioni ottenute: 96.97% - 271 voti
Facilità d'uso: 97.64% - 270 voti

Vota questa pagina! Ci aiuterà a migliorare i nostri servizi...a tua disposizione.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Commenti   

manicure
+1 # Calcolo rivalutazioni monetariemanicure 2017-04-09 05:58
I blog frequently and I truly thank you for your content.
Your article has truly peaked my interest. I am going to
book mark your blog and keep checking for new details about once a
week. I subscribed to your Feed as well.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione | Segnala all'amministratore